AGGIUNGIMI – 4 – 5 – 6 ottobre al Teatro Furio Camillo

“Aggiungimi”

Aggiungimi“! Basta un “clic” e si apre il mondo!

 

Sei nella vita di persone che non hai mai incontrato, hai amici che non conosci e che forse non conoscerai mai, parli e scrivi senza filtri, chiedi, rispondi, confermi e confondi. Ma il virtuale non è reale, può nascondere molte sorprese, può trasformare un sogno in un’amara verità lasciando spazio al peggiore degli incubi.

 

Michele, uno studente universitario, e Alex, un famoso attore, dopo essersi conosciuti in chat, si incontrano nella vita reale e quella che per alcuni viene chiamata una semplice avventura, si trasformerà in un vero incubo.
Michele e Alex, vengono travolti dal modello societario dei nostri tempi che vuole tutto e subito. Un modello che, soprattutto, nell’ipocrisia del siamo tutti uguali, non perdona e schiaccia psicologicamente chi non ha il coraggio di essere ciò che veramente è.

 

Aggiungimi”.

Clic”.

Il gioco è fatto… Ma sei pronto a giocare?

 

4 – 5 – 6 ottobre 2011al TEATRO FURIO CAMILLO, in Via Camilla 44, Roma
 
AGGIUNGIMI di Fabrizio Romagnoli
 
Con
Antonio De Matteo, Dario Tucci, Chiara Nicolanti
 
Regia
Enzo Masci
 
Inizio spettacoli ore 21:00
 
BIGLIETTI
intero €14, ridotto €12
Tessera associativa compresa.
 

INFO & PRENOTAZIONI
06.7804476aggiungimi@pulseteatro.it

 
 
 

Ma… cosa ne pensano gli attori???

 
 

Antonio De Matteo è ALEX

 
 

 

  • Ho letto il testo “Aggiungimi” del mio amico Fabrizio e mi è piaciuto subito. Un gioco d’attore decisamente intrigante.
  •  

  • Un viaggio nell’ossessione di un uomo che non è quello che vuol sembrare. Un finale mozzafiato, una commedia esilarante con i toni di una triste realtà… Qualcosa che conosco… anche se come ruolo è molto lontano da me.
  •  

  • La preparazione mi è stata utile per scoprire quelle centinaia di sfumature che apparentemente un personaggio così sembra non avere. Quegli stessi dettagli, mi hanno svelato una vita e un disagio profondi.
  •  

  • Le persone, troppo spesso, oggi come oggi, si nascondono dietro una facciata tutta lustrini e pailette e purtroppo talvolta tutto ciò trasforma la propria REALTA’ con un’altra non vera, fino a sostituirla.

 
 
 

Dario Tucci è MICHELE

 
 

  • Lavoro da tempo con Fabrizio Romagnoli, ma questa è la prima volta che mi trovo faccia a faccia con un suo testo… risultato? Un tuffo carpiato con doppio avvitamento tra: ricordi, nuove sensazioni, emozioni intense.
  •  

  • Aggiungimi” è un testo profondamente contemporaneo sia per il linguaggio sia per le tematiche trattate. Chi non ha mai giocato col mondo delle chat? Rendere un nickname o una semplice faccia piatta sullo schermo una presenza umana esistente! Potere della tecnologia!
  •  

  • Michele, il mio personaggio è apparentemente una persona sicura, equilibrata, ma in realtà soffre silenziosamente della mancanza di una persona al suo fianco e sa che per svariati motivi sarà molto difficile trovarne una giusta. L’incontro con Alex gli darà una nuova inattesa linfa vitale. Una minuscola speranza che da quella grande macelleria interattiva delle chat si possa ricavare qualche sentimento autentico. Ovviamente, non ha la minima idea di cosa gli riserverà questo particolare incontro.
  •  

  • C’è un gran lavoro di gruppo, scandito da una bella atmosfera tranquilla e collaborativa; ovviamente una prerogativa per lavorare e aver una resa finale perfetta!
  •  
     
     
     

Ma… cosa ne pensa l’attrice???

 

Chiara Nicolanti è FEDERICA

…ma anche Giorgia, Sabrina, Betta e un’inserviente…

 
 
 

  • “Ok, allora entro. Dai, Dario, non ridere, che fai ridere anche me. Dai!….. Dario, dai, ti vedo le spalle che tremano!!!! Allora entro. Enzo!!! Vabbè se ridi pure te me ne posso pure andare!” Le prove vanno avanti più o meno così da un mesetto.Tre ore al giorno. A ridere!!!
  •  

  • Quando ho finito di leggere il copione la prima volta mi è scoppiato il mal di testa. Perché mentre lo leggi vedi questi personaggi assurdi (assurdi perché reali, probabili, in questo mondo assurdo) parlare, litigare, alzarsi, rollarsi una sigaretta, emozionarsi, ridere. Li vedi far finta di andarsene e poi rientrare.
  •  

  • Vedi il caos dell’università, i libri e i cedolini, i compagni di corso che sono sempre meno compagni e sempre più famiglia, senti la solitudine di una casa lontana, di quei libri da studiare che forse non sono una meta ma una pausa, tra te e quello che vorresti diventare. Una pausa per cercare di capirlo davvero, chi sei.
  •  

  • E dall’altra parte vedi il mondo dello spettacolo, le sue fobie, i suoi mostri, i suoi tempi sfasati, la sua logicità, la sua cattiveria, il suo cinismo. Perché lo giudichiamo, ma poi non possiamo fare a meno di continuare a guardare. E’ il mondo del reality, questo voyeurismo che è diventato patologico: vogliamo spiare, vogliamo sapere, coglierla sul fatto la realtà. Come se fosse una colpa. Forse la vergogna è diventata altro da quello che era. Ci si vergogna ad essere soli. Ad essere noi.
  •  

  • Ci si ritrova attraverso un computer. Nascosti. Invisibili. Smolecolati e trasformati in un cursore. “Aggiungimi”. E a chiederlo è la nostra faccia più bella. Quella passata al vaglio da photoshop, in cui sembriamo perfetti. Chi c’è dietro a quella richiesta, dietro di noi che ormai chiediamo anche di diventare “amici”, prova a mostrarcelo uno vecchio, vecchissimo, di amico… In fondo era nato per questo…. e chissà… magari, funziona!
  •  

  • Ci si vede a TEATRO, gente!

 
 
 

E… cosa ne pensa il regista???

 

Enzo Masci regista di Aggiungimi

 
 

     

  • Riprendere uno spettacolo già portato in scena con un cast diverso è una cosa curiosa, come vedere una tua creatura che all’improvviso prende delle sembianze che non riconosci.
  •  

  • All’inizio hai un po’ di timore, soprattutto se la versione precedente è andata bene.
  •  

  • Poi dopo le prime prove scopri di avere tra le mani attori fantastici che ti rendono il compito facile, e questo timore sparisce per lasciare spazio alla voglia di sperimentare cose nuove.
  •  

  • Io me li gusto giorno dopo giorno e mi diverto da morire a vederli in azione dopo avergli indicato la direzione in cui andare.
  •  

  • E sono certo che, come me, si divertirà anche chi verrà a vederli in scena.
  •  
     
     
     
     
     

E… cosa ne pensa l’autore???

 
 

  • Penso che ancora una volta sono felice di vedere in scena un mio spettacolo!
  •  

  • Il regista, gli attori e l’attrice sono tutti bravissimi! “Aggiungimi” vive tramite loro, hanno saputo dare uno spessore unico, importante, vero, entusiasmante, allegro e divertente allo spettacolo!
  •  

  • Un testo difficile! Veramente contemporaneo in tutti i sensi! Dalle tematiche alla recitazione, tutto deve essere affrontato in modo nuovo, contemporaneo, senza orpelli classici e tecniche antiche!
  •  

  • Sembra di vedere un film a teatro! Tutto avviene lì, subito, in questo squarcio di tempo che “Aggiungimi” ci vuole mostrare!
  •  

  • Non perdetelo! E’ veramente bello e… hanno fatto tutto loro!!!
    Grazie Enzo, Antonio, Dario, Chiara!!!
  •  

  • Ci vediamo a teatro!!!

 
 
F.

13 Commenti su AGGIUNGIMI – 4 – 5 – 6 ottobre al Teatro Furio Camillo

  1. Patrizia Palese   20 settembre 2011 20:56

    Il teatro vero nasce dalla realtà….ecco perchè mi piace questo spettacolo prima ancora di vederlo….ma per non essere prevenuta mi aspetto i fuochi d’artificio…conosco l’autore :-)….e merda!!!!

    • Fabrizio Romagnoli   21 settembre 2011 02:33

      Patrizia!!! Sei unica e lo sai! Adoro i tuoi commenti!!! Domani, anzi stamattina, sono a casa dalle 10 alle 12 quando vuoi chiamami!!!!!!! Un abbraccio e notte!!! F

  2. Sonia   25 settembre 2011 02:32

    Caro Fabry e nn possono ke essere sensazioni, emozioni unike e straordinarie, credo ke ki lavora cn te, o x te, riesce sempre ad imparare qualcosa in più, e la professionalità ke si mescola alla passione del vivere il teatro, sapendo comunicare al pubblico sentimenti veri! Curiosa tanto di vederlo!!! ^_^ Un abbraccio forte!

    • Fabrizio Romagnoli   25 settembre 2011 14:29

      Ciao Sonia! Grazie!
      Mi farebbe molto piacere se tu lo vedessi! E’ veramente bello e loro sono bravi! Magari riescono a portarlo anche dalle tue parti, chissà? 😉 Buona domenica cara e a presto!!! Fabrizio

      • Sonia   25 settembre 2011 19:08

        ^_^ caro Fabryyyy nn sarebbe male!!! Ma cmq spero davvero di ritrovare un tetto ^_^ in questi gg. a RM finalmente.. così potrò venire di sicuro! Un abbraccioneee! ^_^_^

  3. marina narducci   25 settembre 2011 15:00

    e’ semplicemente fantastico sentirvi e leggervi,cosi’uniti,provo qualche emozione anch’io anche se non vi conosco ,ma sono queste le cose belle della vita,essere un gran bel gruppo!!ragazzi spero di venirvi anche a vedere…bravo Fabrizio….

    • Fabrizio Romagnoli   25 settembre 2011 16:26

      Ciao Marina!
      Mi fa molto piacere leggere queste tue belle parole! GRAZIE!
      Spero tu riesca a venire! Sì! Un gran bel gruppo! Il teatro riesce ad essere unico sia in scena che fuori dalla scena!!!
      Buona domenica, Fabizio 😉

  4. Anna Maria   25 settembre 2011 16:35

    Il reale ormai interagisce sempre più con il virtuale. In effetti… quanto tempo passiamo davanti a uno schermo, indipendentemente che si tratti di lavoro, di svago, di entrambi in contemporanea?
    E quante persone abbiamo conosciuto, attraverso un semplice “aggiungimi”?
    Persone con anime cristalline e belle, altre meno belle, altre ancora che non ci hanno neppure sfiorato con il loro insignificante passaggio nella nostra vita… ma che per una frazione di secondo si sono “aggiunte” alla nostra vita, dandole (volenti o nolenti) una scossa, un brivido.
    Da ognuna di quelle scosse, di quei brividi… le nostre anime hanno comunque ricevuto qualcosa: emozioni o semplicemente, mal che sia andata, la capacità di “sentire” le vibrazioni di chi abbiamo di fronte, siano esse negative che positie…. facendoci regolare di conseguenza.

    Spero proprio di riuscire a venire a vederti Fabrizio…. un abbraccio e … IN GROPPA AL RICCIO!!!!!!!!

  5. Fabrizio Romagnoli   26 settembre 2011 11:05

    Ciao Anna MAria!!!
    Hai ragione su tutta la linea… compreso l’in groppa al riccio… poverino! 😉
    Sì! “Aggiungimi”! E’ proprio la parola del momento ma… non si sa mai cosa si nasconde dietro ad un semplice gesto! E da ambo le parti, ovvio!!! 😉
    Un abbraccio cara e spero di vederti presto! Buon inizio settimana, F 😉

    • Anna Maria   27 settembre 2011 10:46

      E’ vero… non sai mai cosa si può nascondere dietro a un “clic”.
      Mi sento particolarmente coinvolta in questa cosa perché, per quel che mi riguarda, dietro a un “clic” ci ho trovato Claudio, mio marito. 🙂
      Ma è altrettanto vero che, tra tante, tantissime, belle persone, purtroppo ne ho incontrate anche altre (fortunatamente poche!) sulla cui limpidezza d’animo ci sarebbe molto da dire.
      Ma poi, in finale, la rete è come la piazza del paese. Ci incontri comunque tanta gente, magari con qualcuno ci bevi un caffè e poi ti accorgi che la tua strada è completamente divergente dalla sua, con altri ti guardi e basta, tanto sono arroccati nei loro eburnei castelli, compiacendosi esclusivamente del loro egocentrismo e della loro vanità.
      Statistica? Ho incontrato un buon 80% di belle persone…. ma il 20% fanno notizia, come le disgrazie al TG! 🙂

      Uhmmmm….. a te non so mica in quale percentuale metterti…. ahahahaha…. 😛
      Monellissima io!!!!!
      Un bacione e a presto!!!!!

  6. Fabrizio Romagnoli   28 settembre 2011 00:02

    Ciao Anna Maria! Mi fa piacere sentirti parlare così o per meglio dire leggere quello che hai scritto! Che tu dietro ad un click abbia scoperto tuo marito è una vera benedizione! Ma non sempre va così purtroppo… e questo spettacolo ce lo mostra in maniera molto reale e cruda! Il mondo del web è infinito e popolato da tutto e tutti!!! Bisogna stare molto attenti!!! Sei stata molto fortunata anche ad incontrare belle persone! io personalmente ho avuto anche delle belle liti via chat!!! 😉 In effetti non saprei dove inserirmi fra le due fazioni che hai elencato!!! 😉 Ahahahahah 😉 Un caro abbraccio e a prestissimo!!! Bacio 😉 F

  7. Anna Maria   6 ottobre 2011 15:30

    Carissimo Fabrizio… si, fortunata, è vero. Ma prima di trovare lui ho preso anche belle bastonate nelle gengive (perché sui denti fanno malissimo!!!!!!!!!!). Quindi in effetti… la storia è cominciata con un bel………. “vaff…” che gli ho sparato a pieno schermo! 😀
    Magari se ti va… un giorno te lo racconto… chissà che non possa ispirarti per qualcosa che possa spezzare una lancia a favore del web.
    In fondo, ti ripeto, Internet è come la piazza del paese (prendi quelle di Amandola e Tolentino, per esempio). Ci sono persone che, con discrezione ti sorridono, altre che sfrontatamente ti guardano come se esistessero solo loro, altre che magari non sentendosi all’altezza abbassano lo sguardo e cercano di diventare invisibili…
    Siamo noi poi che abbiamo la facoltà di “captare” i segnali che ci arrivano ed elaborarli per operare delle scelte.
    Liti? Quelle non mancano neppure nel reale… figurati se possono non esserci nelle chat. Anzi, forse il web rende ancora più arroganti le parti, aggressive… tanto chi ci vede? Chi ci giudica? Il guaio è che , mentre urli e cerchi di difendere il tuo punto di vista, o mentre ti insultano, non si vede se stai piangendo o se te ne stai allegramente strabattendo fumandoti una sigaretta.
    Personalmente… le liti non mi spaventano. In nessuno dei due mondi. Perché io sono così. Se sto bene ok… la lite ci può stare perché diventa costruttiva, per me per prima…. ma se si pretende di farmi cambiare per sfruttarmi, usarmi a proprio vantaggio… beh, t’assicuro che non esiste proprio. Io sto là, a mettermi in discussione per prima… ma poi quando vedo che la controparte ci marcia… la stango. E allora, con me si litiga una sola volta. Perché non do’ occasione di farlo una seconda.
    Tu mi dirai: ” ‘mmazzete però se si tosta!” Si, sono tosta, anche se non sembra. E forse… è proprio questo il mio vantaggio, lo è sempre stato. Dietro all’aspetto di una persona tranquilla, sempre sorridente, pronta ad aiutare chiunque… c’è un cervellino che se ogni tanto si pigliasse delle pause non farebbe niente di male. Ma raramente sbaglia…. 😉

    Un abbraccio forte anche a te…

  8. Anna Maria   6 ottobre 2011 15:33

    PS: Io direi che, tra le due percentuali, per come “sento” il tuo modo di essere… puoi stare tranquillamente nell’80%…. e non mi sembri manco persona che si lascia trascinare nel 20%!
    Muahahahahahahahahahahaahahahahahahahahah

TEATRO CONTEMPORANEO e TEATRO CONTEMPORANEO II di Fabrizio Romagnoli

Tre testi di teatro contemporaneo, intensi e asciutti, attraversati da pause, silenzi e cose non dette.