Dopo due anni… di nuovo in scena!!! E la memoria???

    • Canta che ti passa!
      un’esilarante commedia musicale

 

 

 

Dopo due anni mi ritrovo a fare la memoria per andare in scena con un mio spettacolo!!! Da dove inizio??? Sembra strano ma l’averlo scritto non mi sconta il fatto che poi devo comunque metterlo a memoria come attore! 🙁

 

Imparare a memoria una scena per il cinema o per una fiction è tutta un’altra cosa! Innanzitutto sai che se non andrà bene la prima la potrai ripetere e poi, cosa fondamentale, che è al massimo lunga due o tre pagine… sempre se ti è andata bene! 😉

 

Essendo in “Canta che ti passa!” anche il regista, mentre faccio le prove con le attrici, non mi concentro sulla mia parte ma su di loro che stanno recitando e le vedo che procedono e… e nel frattempo penso “Bèh… poi quando vado a casa faccio la mia memoria, no?” 😉 Sì, ma a casa loro non ci sono e tu reciti da solo!!! Soluzione: ho registrato tutte le battute degli altri ruoli con la mia voce!!! Ha funzionato! 😉

 

E inoltre… lo spettacolo è proprio come lo vorrei! 🙂

Poi, il giorno dopo, ritorno in sala prove e tutto quello che avevo provato, quando tocca a me, non c’è più! Ossia… la mente è vuota e da regista e autore provo il panico dell’attore sotto esame!!! Che mestiere quello dell’attore! Anche quando dirigi e tutti ti seguono perché oltre a fare la regia sei anche l’autore del testo, nel momento stesso in cui tocca a te a recitare… inizi a tremare e ad avere paura di essere giudicato! Ma in fondo questo è il bello del mestiere! E’ solo nel confronto che si può costruire qualcosa di veramente ottimo!

 

Le mie compagne di viaggio sono:

 

    • Ilaria Antoniani
    • Manuela Montanaro
    • Emilia Tafaro

 

Brave, gentili, carine, preparate, corrette ma… come dire…

 

Che piacere torturarle!!! 😉

 

In questo spettacolo devono solo cantare, ballare e recitare!!! 😉

 

    • 8 agosto 2011
      ore 21.30 a Villa Celimontana (Roma)

 

 

Canta che ti passa! è la storia di tre ragazze che “vogliono” diventare come Madonna ma… senza sapere né cantare, né ballare, né recitare!!!

 

Lavoro molto complesso a livello registico/coreografico! Come perfette performer, le tre colleghe, prima dovranno ballare, cantare e recitare benissimo per poi essere pronte con un’infinità di gags a divertire il pubblico nei tantissimi errori e peripezie artistiche imposte dalla mia regia! 😉

 

Prove estenuanti! Risultati ottimi! Alla fine dell’orario di prova siamo distrutti ma… quante risate!!! 🙂

 

Tecnicamente è uno spettacolo veramente difficile e il pericolo è che non bisogna mai uscire dai miei soliti ritmi! Serrati! Precisi! Un ‘orologio! Una macchina! Chi rallenta è perduto e la risata è sfumata! 😉

 

Il musical o la commedia musicale, per come la intendo io, è un vero tour de force, per non usare parole più consone ma meno indicate! 😉
Da non negare che per assimilare tutto bisogna avere tempo. Il tempo necessario perché il nostro corpo capisca quello che gli stiamo chiedendo! Cimentarsi in tutte e tre le discipline non è facile e spesso si vedono spettacoli dove chi canta non recita o chi balla non canta e così via…

 

In Canta che ti passa! bisogna saper fare tutto e di più e soprattutto conoscere bene i tempi comici… quei tempi comici che come si dice in gergo… o ce li hai o non ce li hai!!! Ma anche qui, come dire, la tecnica viene sempre in aiuto e anche i tempi comici a volte si possono ricostruire! Come? Bèh… questo alla prossima puntata… ora è un po’ complicato spiegarlo. Dico solo che… è matematico!

 

Occorre solo… un buon maestro!!! Io l’ho avuto! Sono stato fortunato! 😉

 

Se ne vedranno delle belle!!! 😉
E per chi ne volesse sapere di più… tecniche, curiosità e cose da non dire mai o quasi… bèh… in questo blog si può!!!

 

Basta scrivere e chiedere… 😉

 

Vi aspettiamo… 🙂

 

4 Commenti su Dopo due anni… di nuovo in scena!!! E la memoria???

  1. Anna Maria   21 luglio 2011 08:54

    Devono SOLO cantare, recitare e ballare??? SOLO??? 🙂 Ma allora dai… non è difficile….
    Scherzo… ovviamente!!!!!!

    • Fabrizio Romagnoli   21 luglio 2011 18:12

      Ahahahah!!! 😉 Hai ragione!!! Io dico solo non per superficialità, ci mancherebbe!!! E’ solo che avendo fatto tanti musical… mi sento a casa quando mi ritrovo sul palco a fare… “queste cose”! Spero tu possa venire a vederci!! Un caro saluto, Fabrizio

      • Anna Maria   27 luglio 2011 07:39

        Prima o poi ci riuscirò… promesso!

  2. Patrizia Palese   21 luglio 2011 20:47

    Io ci sarò!…… anche cantante e ballerino…. insomma cosa non hai fatto?…ho trovato!!!! un nuovo Fregoli!!…pensaci Fabrizio …pensaci…. 🙂

TEATRO CONTEMPORANEO e TEATRO CONTEMPORANEO II di Fabrizio Romagnoli

Tre testi di teatro contemporaneo, intensi e asciutti, attraversati da pause, silenzi e cose non dette.